Biglietti Moschea-Cattedrale - Mezquita de Córdoba Tickets & Tours

Mezquita
de Córdoba

Prenotazione di biglietti e visite guidate

Servizio clienti

Servizio clienti dal lunedì alla domenica dalle 9.00 alle 18.00. Possiamo assistervi sia in spagnolo che in inglese.









Godetevi le eccellenti escursioni alla Moschea di Cordova con un grande team di professionisti.

La Moschea-Cattedrale di Cordova è la massima rappresentazione della grandezza della dinastia omayyade ed è considerata da molti esperti il miglior esempio di influenza musulmana in Spagna. Dal 1984 è Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.

Questa architettura è ancora in piedi, dopo 1.000 anni, grazie alla costruzione della cattedrale, icona di Cordova, un tempo la città più importante di tutta l’Europa occidentale.

La storia della Moschea di Cordova

Nel 756, ‘Abd al-Rahman I (ultimo discendente vivente della dinastia omayyade) fondò l’Emirato indipendente di Cordova, proclamandosi emiro e fondando un’entità politica indipendente dal Califfato abbaside di Baghdad. In seguito unificò quasi tutta la penisola sotto il suo dominio e fece di Cordova la capitale più importante del mondo conosciuto.

A quell’epoca, la città di Cordova aveva tutte le risorse e le infrastrutture di una città in espansione, oltre a trovarsi in un bacino molto fertile sulle rive del fiume Guadalquivir. Nel 929, quando fu proclamato il Califfato di Cordova, la città raggiunse il suo apice con mezzo milione di abitanti.

Secondo i documenti dell’epoca, la costruzione della Moschea di Cordova iniziò nell’anno 784. È stata costruita sul sito dell’antica Basilica di San Vincenzo Martire. Sembra che ‘Abd al-Rahman I abbia raggiunto un accordo con i cristiani della città per condividere lo spazio secondo un sistema di orari. Fino alla conquista dei regni cristiani, la moschea subì varie trasformazioni e ampliamenti fino a diventare la seconda moschea più grande del mondo, seconda solo alla Mecca. Nel 1238, dopo la conquista castigliana, fu consacrata come cattedrale cristiana.

Parti della Moschea di Cordova

In origine la moschea aveva dimensioni più ridotte rispetto a quelle che possiamo vedere oggi, e gli ampliamenti cristiani e più recenti hanno trasformato soprattutto l’ambiente circostante.

La Moschea di Cordova era composta da due aree distinte, ancora oggi visibili. Da un lato, l’attuale Patio de los Naranjos o Patio degli Aranci (l’antico cortile delle abluzioni del Califfo o shan ), dove si trovava il minareto (attualmente sotto il campanile rinascimentale). Dall’altro lato, la sala della preghiera o haram (interno), che si distingue per essere una vera e propria “foresta” di colonne e archi colorati.

Una delle grandi particolarità di questa moschea è che è rivolta a sud, mentre la Mecca (il luogo verso cui i musulmani devono rivolgere le loro preghiere) è rivolta a sud-est. Questa particolarità è stata osservata in altre moschee della penisola iberica e in Marocco.

L'antico minareto e la torre del campanile

Un primo minareto fu costruito durante il regno di Amir Hisham I. Fu demolito e ricostruito da ‘Abd al-Rahman III. All’epoca, questo edificio, la cui funzione era quella di chiamare la popolazione musulmana alla preghiera, raggiungeva un’altezza di 47 metri.

Con la conquista castigliana e la conversione della moschea in cattedrale cristiana, il minareto divenne la Torre del Campanile. Si pensa che i resti dell’edificio musulmano siano stati inglobati nella torre cristiana, anche se sono sopravvissuti diversi disegni dell’epoca che ricreano l’aspetto dell’imponente minareto di ‘Abd al-Rahman III.

La lanterna (parte più alta) dell’imponente Torre del Campanile è coronata da una cupola, dove si trova una grande scultura dell’arcangelo Raffaele.

Patio de los naranjos (Patio degli Aranci)

Il Patio degli aranci era in origine il cosiddetto cortile delle abluzioni, uno spazio in cui i fedeli si lavavano (abluzione) prima di entrare all’interno della moschea per pregare. Era anche un luogo di grande importanza sociale, dove si insegnava il Corano o si tenevano processi. A sua volta, il cortile o shan è uno spazio che rappresenta il “paradiso” sulla terra.

Con la conquista castigliana, questo luogo perse la sua funzione originaria e divenne un giardino principale. L’elemento oggi più rappresentativo, gli aranci, furono piantati intorno al XVI secolo.

E bosco di colonne

Probabilmente una delle caratteristiche più sorprendenti della Moschea di Cordova è la cosiddetta “foresta di colonne” al suo interno. Appena entrati, ci si trova di fronte a un continuo susseguirsi di colonne e archi colorati. In totale, queste “bosco di colonne” è composto da 1.300 colonne di marmo, granito e diaspro sostenute da 365 archi a ferro di cavallo colorati.

Curiosamente, molte di queste colonne non sono state costruite appositamente per la moschea. Non risalgono nemmeno al periodo andaluso, in quanto sono stati ricavati da alcuni resti romani a Cordova o addirittura da edifici di epoca visigota.

Haram

La maggior parte dell’interno della Grande Moschea di Cordova era ed è occupata da quello che un tempo era l’haram, la grande sala dove i fedeli si riunivano per pregare. L’haram della moschea di Cordova fu modificato tra l’VIII e il X secolo e fu continuamente ampliato man mano che la popolazione di Cordova cresceva e richiedeva più spazio per la preghiera. Abd al-Rahman I, Abd al-Rahman II e al-Hakam realizzarono i principali ampliamenti del recinto.

Dopo la conquista castigliana di Cordova, nella moschea iniziò un periodo di trasformazioni che avrebbe posto fine all’haram e alla sua utilità. Nel 1236, Ferdinando III di Castiglia trasformò la moschea in cattedrale e la consacrò alla Vergine Maria. Sebbene le destinazioni d’uso siano cambiate, l’architettura non ha subito grandi trasformazioni.

Gli archi della moschea di Cordova

Senza dubbio, gli archi della Moschea di Cordova sono le grandi icone di questo monumento. Sia a forma di semicerchio che di ferro di cavallo, questi elementi architettonici, insieme alle colonne, permettono alla Moschea di Cordova di occupare tali dimensioni.

Gli archi interni sono sovrapposti, con l’arco a ferro di cavallo sotto l’arco semicircolare. In entrambi i casi i materiali utilizzati per la costruzione erano la pietra calcarea e il mattone rosso. La Moschea di Cordova è composta da un totale di 365 archi, che sono uno dei simboli della Moschea.

Il muro della quibla e il mihrab

La quibla è uno degli elementi più interessanti della Grande Moschea di Cordova. È il luogo verso cui si rivolgono i fedeli mentre pregano, il punto che segna l’orientamento e dove si trova il mihrab, uno spazio a forma di nicchia semicircolare che deve essere rivolto verso la Mecca.

Una delle caratteristiche più interessanti della quibla è che “non è rivolta verso la Mecca”. L’orientamento è stato presumibilmente ispirato dai piani originali della città, per cui gli architetti hanno deciso di continuare con lo stesso orientamento.

Il mihrab è illuogo più sacro della moschea, di forma eptagonale e coperto da una volta ottagonale. La facciata è ornata da un arco a ferro di cavallo con una spettacolare decorazione a mosaico di forme geometriche e vegetali, che cita versetti del Corano.

Il passaggio da moschea a cattedrale

Con la conquista castigliana di Cordova, la moschea cessò di essere utilizzata per il culto musulmano. Ferdinando III di Castiglia trasformò il sito in una cattedrale e la consacrò alla Vergine Maria. Inizialmente non furono apportate modifiche all’architettura del monumento, mentre i maggiori cambiamenti avvennero tra il XVI e il XVIII secolo.

La trasformazione più importante avvenne nel XVI secolo, quando una grande navata cristiana fu costruita al centro della moschea, formando una nuova cappella principale in stile rinascimentale. Affinché la costruzione venisse realizzata, l’imperatore Carlo V dovette intercedere di fronte al rifiuto del consiglio comunale di Cordova, che non accettava l’intenzione del vescovo Alonso Manrique. Oltre a varie cappelle, nello stesso secolo fu costruita la pala d’altare manierista della cappella principale, progettata da Alonso Matías.

Il coro sarebbe stato eretto un secolo dopo. L’insieme è stato realizzato da Pedro Duque Cornejo tra il 1748 e il 1757 e il suo materiale principale è il legno di mogano. Su tutti spicca la rappresentazione dell’Ascensione di Gesù, che la corona.

Acquista i biglietti per la Moschea di Cordova

Per visitare questo spettacolare gioiello di Cordova è necessario acquistare i biglietti con giorni di anticipo, in quanto si tratta di uno dei siti più emblematici della città andalusa e patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.

Non perdetevi questo impressionante luogo unico al mondo, passeggiate nella prima moschea costruita dal primo emiro di Al-Andalus e lasciatevi trasportare in secoli e secoli di storia.

In alta stagione è quasi impossibile accedere alla Moschea di Cordova, perché è uno dei siti più visitati dai turisti, sia spagnoli che stranieri, quindi, se volete avere un posto sicuro durante il tour, acquistate un biglietto per la Moschea di Cordova. biglietto online in anticipo, dove è possibile selezionare il biglietto singolo o acquistare biglietti per lo spettacolo Alma de Cordova.

Orario della Moschea di Cordova

La Moschea-Cattedrale è aperta tutti i giorni dalle 10:00 alle 18:00 (19:00 da marzo a ottobre). La domenica e i giorni festivi gli orari di apertura sono dalle 8.30 alle 11.30 e dalle 15.00 alle 18.00.

La torre del campanile ha un orario diverso e viene visitata ogni 30 minuti (dalle 9:30 alle 13:30 e dalle 16 alle 17:30).

Se desiderate partecipare alla Messa, gli orari sono dal lunedì al sabato alle 9.30 e la domenica alle 12.00 e alle 13.30.

1
Sapevate che la Moschea di Cordova non è orientata verso la Mecca come la maggior parte delle moschee?

È risaputo che la maggior parte delle moschee è orientata verso la Mecca. Nel caso della Moschea-Cattedrale di Cordova, si affaccia sul fiume Guadalquivir. Il motivo non è chiaro, ma forse è dovuto all’orografia dell’area, in quanto la città è inclinata verso sud-est e verso il fiume, il che ha impedito qualsiasi altro orientamento.

2
Sapevate che la Moschea di Cordova era la più grande moschea del mondo?

Sebbene oggi la più grande moschea del mondo sia la Masjid al-Haram alla Mecca, un tempo era la moschea di Cordova, con oltre 23.000 metri quadrati, 1.300 colonne e una capacità di 22.000 persone.

3
Sapevate che il Patio de los Naranjos (Patio degli Aranci) non ha sempre dato aranci?

Questo cortile è senza dubbio uno dei luoghi più famosi di Cordova e si trova nelle immediate vicinanze della moschea. Si chiama così per il numero di aranci piantati al suo interno, anche se non è sempre stato così, nel XVIII secolo c’erano anche ulivi e cipressi.

4
Sapevate che la Cattedrale di Cordova si trova all'interno della Moschea?

Questa caratteristica lo rende un monumento unico al mondo. Questa decisione ha suscitato molte polemiche, tanto che Charles sono arrivato a dire “avete distrutto ciò che era unico al mondo e avete messo al suo posto ciò che si può vedere ovunque”.

Ora, però, la visita alla moschea è un’esperienza che fa venire l’acquolina in bocca, perché si possono ammirare diversi stili architettonici e secoli di storia nello stesso edificio.

5
Sapevate che esiste un tunnel segreto?

Si dice che esista la leggenda di un tunnel che collega la Moschea alla città di Medina Azahara. Anche se non è stato confermato, è certo che ci sono tunnel e altri angoli inaccessibili.

6
Sapevate che i semi di arancio sono stati portati a Hiroshima?

Dopo il bombardamento di Hiroshima, dagli alberi di arancio della moschea sono stati prelevati dei semi da piantare nel Parco della Pace di Hiroshima, costruito in memoria di tutti i morti del bombardamento.

7
Sapevate che solo nel 2015 è stato deciso chi fosse il proprietario della moschea?

Attualmente la proprietà della Moschea di Cordova appartiene alla Chiesa, ma non è sempre stato così. Dal XIII secolo la proprietà fu attribuita allo Stato.

8
Sapevate che nella Moschea di Cordova sono sepolti personaggi famosi?

Luis de Góngora e Inca Garcilaso de la Vega sono due dei personaggi illustri attualmente sepolti all’interno della moschea. All’interno si trovano anche il viceré Pedro de Ceballos Cortes y Calderón e il cardinale Pedro de Salazar.

9
Sapevate che nella Moschea c'è una stella dei desideri?

All’angolo tra la Moschea-Cattedrale e Calle Torrijos si trova una piccola stella incastonata nel muro. La tradizione vuole che se lo si tocca e si esprime un desiderio, questo si avvera. In realtà si tratta di una specie di fossile di riccio di mare.

10
Sapevate che all'interno della Moschea c'era una lunga catena d'oro?

Oggi, una catena appesa alla cupola del vestibolo del Mihrab non contiene nulla. Si dice che un tempo fosse d’oro e che le sue dimensioni venissero ridotte ogni volta che i canonici della Cattedrale dovevano effettuare pagamenti diversi. Inoltre, si dice che quando l’ultimo anello della catena cadrà, il mondo conosciuto finirà.

Aceptamos

La Bibi A&B S.L. ha sido beneficiaria del Fondo Europeo de Desarrollo Regional cuyo objetivo es mejorar el uso y la calidad de las tecnologías de la información y de las comunicaciones y el acceso a las mismas y gracias al que ha desarrollado una página web corporativa para la mejora de competitividad y productividad de la empresa. Esta acción ha tenido lugar en enero de 2021. Para ello ha contado con el apoyo del Programa TICCámaras Convocatoria Extraordinaria de la Cámara de Comercio de Granada”



https://www.mezquitadecordoba-entradas.org/ es propiedad de MNPQ Gestores Turísticos SL, agencia de viajes mayorista-minorista con C.I.AN-187008-3, y no está vinculada al Cabildo Catedral de Córdoba ni tiene vinculación alguna con dicha entidad. No somos la venta oficial de la Mezquita-Catedral de Córdoba, somos una agencia de viajes especializada en la venta de entradas, experiencias y tours, además de organizadores y mediadores en estos últimos. Todos nuestros precios están paquetizados o desglosados por servicios.